Loading...
I lavoratori del mare

Essere marinaio oggi in Islanda vuol dire “ Ekki gótt!” “Non bene!“ ci dice Algrimur.  Troppo poco spazio viene lasciato ai piccoli pescatori mentre le quote e quindi le decisioni che influenzano il mercato sono in mano a pochi imprenditori.

La maniera di pescare é cambiata molto negli ultimi cento anni dopo essere stata la stessa  fin da sempre. Dalla barca a remi - con un equipaggio di 7 persone - ai grandi trawler - fino alla sua barca di 5 metri. Algrimur é del 40, troppo giovane per aver partecipato  a quelle battute di pesca che gli islandesi hanno praticato per anni per guadagnare qualcosa in piú durante i lunghi inverni quando nelle fattorie non c´era da fare per tutti. Nato a Drangar sulla costa est dei fiordi occidentali ha frequentato le scuole elementari a 80 km da casa e quindi ci rimaneva anche per settimane, si trasferi a Bolungarvík nel 1966 a sedici anni quando la vita contadina, da sola, non garantiva piú un futuro e quindi quell´area  dell´Islanda, piú a nord e piú esposta al freddo polare, si stava svuotando dei suoi abitanti.  Algrimur cominció a far il pescatore su un trawler con un equipaggio di 12 persone.

                                

Trawler che restano in mare dai 3 ai 7 giorni, i turni erano di 16 ore alternate da 8 di riposo. Dopo circa 13 anni inizia la sua avventura in proprio, su di una piccola barca dove la pesca del merluzzo non viene fatta con delle grandi reti come nei trowler ma con dei palamiti alle cui estremitá, vicino agli ami, si trovano solo dei pezzi di plastica morbida a mimare l´esca. All‘inizio gli arganelli usati per avvolgere la lenza erano manovrati a mano, come far girare i pedali di un bicicletta.  Da 10 anni ormai tutto é completamente elettrico e il pescatore non deve far altro che prendere il pesce  e metterlo nei contenitori del ghiaccio. La vita del pescatore é diventata molto piú facile rispetto al passato, peccato che il sistema delle quote introdotto nel 1984, abbia portato il mercato del pesce nelle mani delle grandi compagnie.

Foto ed articolo di Cristian Gallo

 


Tempo di fare la marmellata

La cucina islandese e quella italiana sono molto differenti ma a tavola le due cose......

Tatuaggi marinareschi, significati, simboli e leggende

Che vi piacciano o meno, la tradizione marinara porta sottopelle simboli e significati che si perdono.....

La sfida di Thor: prende l'energia pulita dal cuore del vulcano

Si chiama Thor, come il dio vichingo del fulmine e del tuono col suo invincibile martello folgorante. E per 100 milioni di dollari...

Ambra Grigia

Chissà cosa ha provato, il nostro ipotetico progenitore, inebriandosi dei deliziosi effluvi di una strana sostanza, di colore grigiastro, ritrovata sulle spiagge..

Aurora Boreale

L’aurora polare, spesso denominata aurora boreale o australe a seconda che si verifichi rispettivamente nell'emisfero nord o sud, è un fenomeno ottico dell'atmosfera terrestre, caratterizzato principalmente da bande luminose di un'ampia gamma di forme e colori rapidamente.....

I lavoratori del mare

Essere marinaio oggi in Islanda vuol dire “ Ekki gótt!” “Non bene!“ ci dice Algrimur.  Troppo poco spazio viene lasciato ai piccoli pescatori mentre le quote e quindi le decisioni che influenzano il mercato sono in mano a pochi imprenditori.

Quante storie dentro un bicchiere

“We’re merry folks, we sailors: we han’t much to care for. Thus we live at sea; eat biscuit, and drink flip”. Ovvero: “siamo gente allegra, noi marinai: non abbiamo granché di cui preoccuparci. Così viviamo per mare, mangiando gallette e bevendo flip”...

Iceland e iceberg

L’Islanda ha mille motivi per stupire, non è un segreto, e ciascuno dei racconti pubblicati sul blog dai viaggiatori ha colto e descritto gli aspetti più particolari e affascinanti di quest’isola, lembo di terra emersa tra la placca europea e la placca americana ...

Un’idea per una vacanza estiva

Ci siamo. Le idee si scatenano, l’immaginazione si riempie e la fantasia già ci porta sul posto: è iniziata la caccia alle mete per le vacanze. L’assalto a internet, alle librerie e le inquisizioni ad amici e parenti per trarre idee, consigli ed esperienze ...

ISLANDA made in Italy!

L’Islanda che i media ci hanno mostrato con questi Europei 2016, ha colpito molti di noi, tifosi e meno tifosi del calcio, perché attorno all’immagine classica che possiamo avere tutti di una terra fredda e ricoperta di solo ghiaccio ...

Mare o montagna?

Non conta la destinazione che preferisci, conta solo lo spirito che ti accompagna durante il viaggio. Quando ogni nuova meta è un nuovo inizio, quando il tempo che scorre è tuo alleato per stringere nuove amicizie ...

Dimmuborgir: il labirinto nero

La regione settentrionale islandese offre un’infinità di paesaggi diversi tra loro che rendono questo territorio unico dal punto di vista geologico e paesaggistico. In particolare l’area attorno al lago Mývatn è una zona ricca di monumenti naturali ...

Intervista a Marc De Tollenaere, fotografo freelance

Intervista a Marc De Tollenaere, fotografo freelance che tiene Photo Tour e Photowalk a Venezia, oltre che workshops fotografici in tutto il mondo con un amore in particolare per l’Islanda...

ÞORRABLÓT e mangiare lo squalo

Tra tutte le celebrazioni islandesi la piú autentica e tradizionale é di sicuro il Þorrablót. Il nome é un composto di due nomi Þorri e blót. Þorri fú uno dei primi re vichinghi della mitologia nordica del 12mo secolo ...

Fashion & Relax

E’ primavera, è venerdì! E’ iniziato il weekend! Preparati a vivere con pienezza le prossime ore. Goditi il sole l’aria aperta e la natura, ma fallo sempre con stile. Oggi ti vogliamo suggerire un look per un fine settimana all’insegna del relax ...